Fontanarossa, fingeva di aiutare i passeggeri e invece li derubava: arrestato borseggiatore

Era noto come "Turi cannolo". Fingeva di aiutare un anziano passeggero che stava sistemando su un bus i propri bagagli e invece ne aveva approfittato per sottrargli dalle tasche 65 euro dandosi poi alla fuga

Due ispettori della squadra antiborseggio della Polizia municipale hanno arrestato in flagranza di reato un borseggiatore, Salvatore Pennisi, di 57 anni, di Catania, nell'aeroporto di Fontanarossa.

Gli ispettori Sergio Colonna e Carmelo Manenti avevano individuato Pennisi, noto alle forze dell'ordine e soprannominato "Turi cannolo", il quale, fingendo di aiutare un anziano passeggero che stava sistemando su un bus i propri bagagli, ne aveva approfittato per sottrargli dalle tasche 65 euro dandosi poi alla fuga.

Pennisi era stato però bloccato dai due ispettori i quali, dopo aver recuperato la refurtiva restituendola alla vittima del borseggio - C.S. di 75 anni, di Ravanusa (Ag)- che aveva intanto sporto denuncia, lo hanno condotto negli uffici del Corpo di Polizia Municipale. La sostituto procuratore di turno ha disposto per il fermato gli arresti domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento