Fontanarossa, spazio Norma: la Sac risponde a Berretta

La Sac, con una nota che riportiamo, risponde alle dichiarazioni del deputato nazionale del Partito Democratico Giuseppe Berretta che, visitando nei giorni scorsi il padiglione Norma presso l'Aeroporto Fontanarossa, lo ha definito "Una struttura senza vita, da rilanciare"

La Sac, con una nota che riportiamo, risponde alle dichiarazioni del deputato nazionale del Partito Democratico Giuseppe Berretta che, visitando nei giorni scorsi il padiglione Norma presso l'Aeroporto Fontanarossa, lo ha definito "Una struttura senza vita, da rilanciare".

"Se l’on. Berretta avesse avuto la buona idea di contattare la nostra società avrebbe evitato di dire cose che non hanno alcun riscontro reale. Ben si comprende come l’aeroporto di Catania faccia sempre notizia, dando visibilità, ma dire cose inesatte, o addirittura false, rischia poi di comprometterla la visibilità - si legge nella nota Sac - In questo caso quella di un politico stimato e apprezzato. Nel merito, si sottolinea intanto come il terminal T4 non sia stato recuperato 'con l’intento di valorizzare le eccellenze gastronomiche siciliane', ma costituisca un primo stralcio del più ampio progetto di recupero della vecchia aerostazione Morandi, con la quale sarà pienamente integrato e collegato entro il 2017. In ogni caso, conclusa la fase in cui la struttura è dedicata a Expo 2015, nelle prossime settimane inizierà la sua reale operatività, così come ideata per i prossimi anni. Serve però fare una distinzione - fondamentale - fra l’area espositiva gestita da Unioncamere Sicilia (circa 200 metri quadrati), le cui imprese sono state selezionate appunto da UnionCamere, e l’area dedicata alla vendita (circa 900 metri quadrati), in cui sono presenti 118 imprese siciliane. E altre aziende hanno fatto richiesta. Si rassicura quindi l’on. Berretta sul fatto che flussi importanti interesseranno lo spazio polifunzionale (nel quale, per inciso, sono già stati ospitati cooking show e mostre) che, come sottolinea lo stesso Berretta (e per questo lo si ringrazia), è stato ristrutturato con un ottimo risultato, sia estetico che funzionale. Inoltre, si desidera evidenziare all’on. Berretta, che si invita a visitare la struttura, come questa non risulti ridotta a «piccolo spazio espositivo, con pochissimi prodotti', tutt’altro. Si prosegue: non corrisponde al vero nemmeno che la ristrutturazione del terminal sia stata cofinanziata 'dall’Assessorato regionale delle Attività produttive a valere sul Po Fesr 2007-2013». Non c’è stato infatti alcun finanziamento di questo genere per la ristrutturazione del terminal T4. Se poi il problema nasce dal fatto che 'la Sac ha disposto di bloccare il bando di gara, pubblicato il 3 luglio 2015, per l’assegnazione di un locale allestito all’interno dello spazio polifunzionale e per la gestione di una scuola di cucina ed attività di ristorazione', anche sotto questo aspetto si rassicura l’on. Berretta che è il programma delle attività future a partire dalle prossime settimane è già definito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento