Formazione, protesta dei lavoratori etnei: sindacati proclamano sciopero

Previste quattro giornate di mobilitazione. Nella città etnea è stata scelta il 22 come data. Numerose le richieste dei sindacati, tra cui quella dello sblocco immediato di tutte le retribuzioni pregresse e del sostegno al reddito

Dalle "cinque giornate di Milano"  si passa all'annuncio dei quattro giorni di sciopero dei lavoratori della formazione professionale. Dopo lo scandalo nel settore si chiedono interventi immediata dalla Regione.

Il 22 novembre, il giorno scelto per Catania. In contemporanea previsto il sit-in di fronte all'assessorato della Famiglia, della solidarietà sociale e del lavoro a Palermo.

I sindacati chiedono lo sblocco immediato di tutte le retribuzioni pregresse, del sostegno al reddito. Chiesto inoltre l'avvio immediato delle attività formative del Piano giovani e dell'Istruzione e Formazione, la salvaguardia dell'occupazione e il reimpiego dei licenziati.

Altro tema quello dell'avvio della discussione sulla riforma dei servizi per l'impiego e delle politiche attive del lavoro per dare certezza occupazionale ai lavoratori degli sportelli multifunzionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento