Forza Italia, Falcone ritira il simbolo dal Consiglio comunale e scioglie il gruppo

La decisione coinvolge i tre componenti: il capogruppo Santi Bosco, che ha continuato a ricoprire il ruolo pur avendo preso le distanze dal partito, Dario Grasso e Angelo Scuderi

I sommovimenti politici che hanno ridisegnato lo scacchiere del centro destra cittadino continuano ad avere ripercussioni anche all'interno del Consiglio comunale: con una nota indirizzata al presidente del consiglio Giuseppe Castiglione, il commissario provinciale di Forza Italia a Catania Marco Falcone ha comunicato il ritiro del simbolo dal civico consesso e ha contestualmente disposto lo scioglimento del gruppo consiliare che fa riferimento al partito di Berlusconi. "Già da diverso tempo avevo invitato alle dimissioni dal gruppo i consiglieri comunali che avevano assunto posizioni divergenti dal partito - ha ribadito l'assessore regionale Falcone - il coordinamento provinciale ha quindi stabilito il ritiro del simbolo diffidando i consiglieri, inoltre, dall'utilizzo della denominazione del partito per qualsiasi iniziativa politica. Il gruppo verrà ricostituito quando creeremo nuove condizioni politiche". La presa di posizione è una risposta chiara e determinata a Santi Bosco, il quale fino ad oggi ha continuato a ricoprire il ruolo di capogruppo al Consiglio comunale pur avendo da mesi manifestato l'intenzione di allontanarsi da Forza Italia e agli altri componenti: Dario Grasso, di matrice firrarelliana e Angelo Scuderi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, auto si schianta contro spartitraffico: 4 morti

  • Strage dopo una serata in discoteca, nessuno indossava la cintura di sicurezza

  • Operazione dei carabinieri contro capi clan e affiliati dei “Santapaola-Ercolano”: 31 arrestati

  • Incidente stradale a Piano Tavola, 4 morti: Procura apre inchiesta

  • Operazione "Black Lotus", alla sbarra 31 affiliati del clan Santapaola-Ercolano

  • Mafia: blitz antidroga della polizia contro il clan Arena a Librino

Torna su
CataniaToday è in caricamento