Cronaca

Forzano posto di blocco e tentano la fuga con lo scooter, arrestati

L’inseguimento si è protratto per svariati minuti finché, giunti in via Fiumara, i due giovani, con una manovra azzardata, hanno abbandonato lo scooter per poi fuggire appiedati

Nella serata di ieri, gli agenti delle volanti hanno arrestato il pregiudicato Salvo Timonieri, catanese, classe 2000, per il reato di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e hanno denunciato per gli stessi reati il pregiudicato R.S. Alle ore 19 e 20, una pattuglia delle moto- volanti, trovandosi in via Plebiscito, ha notato i due giovani a bordo di uno scooter i quali, poco prima, avevano forzato un posto di controllo in piazza Caduti del Mare. Alla vista dei poliziotti, che gli hanno intimato di fermarsi azionando i dispositivi acustici e luminosi, i due hanno iniziato una pericolosa fuga, sfrecciando ad alta velocità per le stradine del quartiere San Cristoforo. L’inseguimento si è protratto per svariati minuti finché, giunti in via Fiumara, i due giovani, con una manovra azzardata, hanno abbandonato lo scooter per poi fuggire appiedati. I poliziotti, per evitare l’impatto con i fuggitivi, hanno perso il controllo delle moto cadendo a terra, procurandosi delle lesioni. Tuttavia, rialzatisi, gli agenti hanno inseguito e bloccato Timonieri che è stato arrestato per il reato di resistenza a Pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento di beni dello Stato. Dopodichè, è stato condotto in Questura per la stesura degli atti di rito. Su disposizione del Pm di turno, Timonieri è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, in attesa della celebrazione del giudizio di convalida. L’altro fuggitivo è riuscito a far perdere le proprie tracce ma, consapevole che gli agenti lo avevano riconosciuto, intorno alle 21:00 si è presentato spontaneamente presso gli uffici della Questura, dove veniva denunciato in stato di libertà per i medesimi reati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forzano posto di blocco e tentano la fuga con lo scooter, arrestati

CataniaToday è in caricamento