Fossa Creta-San Giorgio, pranzo di San Giuseppe: continua la tradizione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Come ogni anno, da oltre dieci anni, si è rinnovato, nel giorno di San Giuseppe, il tradizionale pranzo organizzato nel cortile interno della Parrocchia Maria Ausiliatrice e San Domenico Savio (Fossa Creta-San Giorgio), dalla Caritas Parrocchiale e destinato ai meno fortunati del quartiere. Ben 140 persone ,quest’anno, hanno usufruito del pranzo il cui menu prevedeva aperitivo con salatini e patatine, lasagne al ragù, il tradizionale “macco” di San Giuseppe, cotoletta di pollo con patatine fritte, sorbetto al limone, dolci e frutta. “Questo pranzo è solo un momento di un lavoro di sostegno e di solidarietà nei confronti di tante famiglie disagiate, che si svolge per tutto l’anno, grazie alla Caritas Parrocchiale e al sostegno volontario di tanti fedeli della parrocchia.

La Caritas aiuta mensilmente circa 310 famiglie e occasionalmente tante altre, che vivono sia nel territorio della parrocchia che nei quartieri limitrofi.” Così ci ha spiegato il parroco Don Antonino De Maria, che coadiuvato dal responsabile della Caritas parrocchiale, Stanislao Monfreda, e dai tanti volontari, hanno dato vita a questo importante momento di condivisione. Al pranzo  ha partecipato anche il consigliere di circoscrizione Carmela Vinciguerra, a rappresentare il Presidente Lorenzo Leone e il consiglio tutto, per ringraziare gli organizzatori di questa splendida iniziativa.

Torna su
CataniaToday è in caricamento