Parco dell'Etna, arrivano le foto trappole: multe per chi inquina

Sono state consegnate oggi ad ogni Comune del Parco. Spetterà alle amministrazioni il compito di collocare i dispositivi

Il Parco dell’Etna ha acquistato cento foto trappole. Saranno collocate nelle zone a rischio per la salvaguardia dell’ambiente, il controllo e la prevenzione e repressione dei reati ambientali. Sono state consegnate oggi ad ogni Comune del Parco. Spetterà alle amministrazioni il compito di collocare i dispositivi, in collaborazione e con il supporto dell’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste di Catania, in aree sensibili interessate da abbandono di rifiuti o sottoposti a interventi di riqualificazione ambientale.

L’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste di Catania si impegna a fornire supporto e collaborazione nella individuazione delle aree di collocamento delle foto trappole, nelle attività di controllo e verifica e nelle sanzioni amministrative, che potranno avere anche rilevanza penale. I Comuni individueranno tra il proprio personale le figure per la gestione tecnica delle foto trappole in accordo e con il supporto dei singoli Distaccamenti forestali competenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento