rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca

Fucile a canne mozze sequestrato in casa di due pregiudicati

L'arma, nei prossimi giorni, sarà inviata al reparto investigazioni scientifiche di Messina per sottoporla agli opportuni esami tecnici che potrebbero stabilirne la provenienza e l'eventuale utilizzo in pregressi episodi criminosi

I carabinieri della stazione di Catania Librino hanno arrestato, nella flagranza, i fratelli Mario e Sebastiano Orazio Aperi, di anni 26 e 22, rei di detenzione illegale di arma clandestina nonché di alterazione di arma da sparo. Ieri pomeriggio, durante uno dei tanti controlli di routine ai soggetti sottoposti agli arresti domiciliari (in questo caso tutti e due), i militari insospettendosi per l’atteggiamento nervoso mostrato dai reclusi, previa perquisizione domiciliare, sono riusciti a scovare e sequestrare, all’interno di un armadio posto in una delle camere da letto, precisamente tra gli indumenti personali, un fucile Bernardelli monocanna cal. 9 Flobert, con la matricola abrasa e la canna ed il calcio mozzati, dotato di caricatore e 4 cartucce del medesimo calibro.

L’arma, nei prossimi giorni, sarà inviata al reparto investigazioni scientifiche di Messina per sottoporla agli opportuni esami tecnici che potrebbero stabilirne la provenienza e l’eventuale utilizzo in pregressi episodi criminosi. Gli arrestati sono stati entrambi rinchiusi nel carcere di Catania Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fucile a canne mozze sequestrato in casa di due pregiudicati

CataniaToday è in caricamento