Fugge dopo incidente, tenta di investire la conducente: indagato per tentato omicidio

Il cittadino straniero K.A.dovrà rispondere anche di omissione di soccorso e lesioni personali

Nei giorni scorsi, personale del Commissariato Borgo-Ognina, ha rintracciato e indagato il cittadino straniero K.A. del 1999, che lo scorso 8 febbraio, in via Messina, a bordo del veicolo di sua proprietà, dopo aver tamponato violentemente un’autovettura condotta da una donna accompagnata dall’anziana madre, oltre a non fermarsi per prestarle assistenza e soccorso si è dato alla fuga a velocità elevata, tentando tra l’altro di investirla. La donna infatti, avendo percepito le sue intenzioni, si è posta fisicamente davanti al veicolo, con le braccia aperte per impedirgli di allontanarsi, il tutto senza esito poiché la donna è stata costretta a scansarsi, per non essere investita.

La conducente e la madre si sono dunque recati presso il pronto soccorso dell’Ospedale Cannizzaro riportando lesioni guaribili rispettivamente in 8 e 10 giorni. Le ricerche del fuggitivo hanno dato in un primo momento esito negativo e soltanto lo scorso 11 febbraio, gli agenti del Commissariato Borgo Ognina lo hanno individuato nei pressi della sua abitazione. A seguito di ulteriori attività info investigative è stata localizzata anche l’autovettura che è risultata sprovvista della copertura assicurativa RCA. È stata richiesta inoltre attività di specifica competenza della Polizia Scientifica al fine di acquisire fotograficamente le condizioni dell’autovettura interessata nel sinistro stradale. E' stato inoltre rilevato che sulla parte centrale del volante erano stati applicati strati di scotch verosimilmente per contenere l’airbag esploso durante lo scontro. All’esito delle attività il cittadino straniero, residente regolarmente in Italia, compiutamente identificato è stato indagato per omissione di soccorso, lesioni personali, fuga a seguito di sinistro stradale con feriti e tentato omicidio. Il suo veicolo è stato posto sotto sequestro amministrativo poiché sprovvisto della copertura assicurativa obbligatoria e la patente ritirata, quale sanzione accessoria alla sanzione penale, per essere inviata in prefettura entro 10 giorni per l’adozione del provvedimento di sospensione; inoltre, gli è stata contestata l’omessa revisione del veicolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento