Misterbianco, sequestrati 39.000 fuochi d'artificio: arrestato il respondabile

La merce, destinata alla vendita abusiva in quanto priva della licenza commerciale e autorizzazione di polizia, conteneva prodotti classificati come esplosivi di quarta e quinta categoria particolarmente pericolosi

La guardia di finanza ha sequestrato oltre 39.000 fuochi d’artificio, pari a quasi cinque quintali, di produzione cinese, detenuti all’interno di un garage di una palazzina nel comune di Misterbianco senza alcuna autorizzazione di pubblica sicurezza. La merce, destinata alla vendita abusiva in quanto priva della licenza commerciale e autorizzazione di polizia, conteneva prodotti classificati come esplosivi di quarta e quinta categoria particolarmente pericolosi.  

Alcuni di questi prodotti, non riportando alcuna etichetta circa la loro pericolosità e le precauzioni da utilizzare nel maneggio, risultano particolarmente dannosi. Ancor più pericoloso è il punto di stoccaggio della merce, custodita all’interno di un garage interrato in una palazzina di tre piani completamente abitata.

Al termine delle operazioni di messa in sicurezza e di conteggio. è stata accertata la presenza di circa 80 kg di polvere pirica facilmente infiammabile. Il responsabile, G.R. di Misterbianco, pregiudicato, è stato arrestato dai militari per detenzione abusiva di materiale esplodente in violazione al Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza ed alla normativa sugli esplosivi.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento