I furbetti del reddito di cittadinanza che lavoravano in nero, denunciati dai carabinieri

Dai controlli degli uomini dell'arma diverse persone svolgevano attività lavorative senza contratto. Sono stati denunciati e i titoli dei negozi sono stati sanzionati

Proseguono i controlli dei carabinieri e del nucleo ispettorato del lavoro di Catania per scovare chi percepisce indebitamente il redditto di cittadinanza. Diversi i denunciati dalle verifiche compiute negli ultimi giorni.

Un 46enne di Belpasso è stato trovato mentre lavorava in nero come pasticciere all’interno di una bar di via Cardinale Dusmet a Catania. Un 59enne di Riposto è stato scoperto mentre faceva il pizzaiolo in nero all’interno di un ristorante a Mascali in via Fornazzo – Linguaglossa.

Mentre un 41enne di Catania, pur percependo la misura, svolgeva il lavoro di salumiere in un supermercato di Riposto, in piazza Giacomo Matteotti.


Mentre si è già provveduto a sanzionare i titolari degli esercizi commerciali per l’impiego di manodopera in nero,
sono in corso di quantificazione le somme indebitamente percepite dai denunciati tramite le loro carte magnetiche che adesso sono state sequestrate.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale, auto si schianta contro spartitraffico: 4 morti

  • Strage dopo una serata in discoteca, nessuno indossava la cintura di sicurezza

  • Operazione dei carabinieri contro capi clan e affiliati dei “Santapaola-Ercolano”: 31 arrestati

  • Reddito di cittadinanza e falsa disoccupazione: indagata la neomelodica Agata Arena

  • Incidente stradale a Piano Tavola, 4 morti: Procura apre inchiesta

  • Operazione "Black Lotus", alla sbarra 31 affiliati del clan Santapaola-Ercolano

Torna su
CataniaToday è in caricamento