Furti di rame, al buio viale Mediterraneo e via Geza Kertes

"Soprattutto gli anziani, già dal tardo pomeriggio hanno paura di uscire di casa perché temono di essere rapinati o scippati. I ragazzi, invece, usano i cellulari o le torce" dice il vice presidente della quarta municipalità Zingale

I continui furti di rame stanno facendo piombare molte strade della municipalità di Cibali-Trappeto Nord-San Giovanni Galermo nella più totale oscurità. In qualità di vice presidente insieme al consigliere di quartiere Santo Arena,applaudo al lavoro delle forze dell’ordine che negli ultimi tempi hanno portato al recupero di decine di metri di quello che tutti conoscono come 'l’oro rosso' perchè è sempre al centro delle attenzioni della microcriminalità". Con queste parole Giuseppe Zingale denuncia i continui furti di rame che stanno privando della luce pubblica molte strade della quarta circoscrizione.

" Allo stesso modo, però,  - continua Zingale - chiedo al Sindaco Bianco, sempre attento a questo genere di problematiche, di operare urgentemente con un piano di lavoro che preveda la sostituzione dei cavi di rame dai lampioni del nostro territorio. Al loro posto, va istallato il più economico (e meno appetibile per i delinquenti) alluminio. Una soluzione che rappresenterebbe la fine di un incubo per decine di migliaia di famiglie. Viale Mediterraneo e via Geza Kertes oggi sono completamente al buio con l’unica luce che proviene dai fari delle auto e dalle abitazioni delle palazzine circostanti".

" La gente, soprattutto gli anziani, già dal tardo pomeriggio hanno paura di uscire di casa perchè temono di essere rapinati o scippati. I ragazzi, invece, usano i cellulari o le torce per capire se stanno camminando sul marciapiede o in mezzo alla strada. In un territorio a fortissimo disagio sociale come Trappeto Nord questo è un problema da non sottovalutare assolutamente. Per tutte queste ragioni - conclude il vice presidente della quarta circoscrizione -  a breve convocheranno una conferenza dei servizi per discutere, con tutti i soggetti interessati, le soluzioni e le opportunità da adottare per fare in modo che simili episodi possano verificarsi ancora. Il nostro territorio sta subendo un’ondata di microcriminalità senza precedenti e noi non possiamo restare con le mani in mano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento