Furti di rame nelle linee ferroviarie, sequestrata area di stoccaggio illecita

Il “nucleo rame” della polizia ferroviaria che agisce per interrompere la filiera del traffico illecito di oro rosso

Per contrastare il fenomeno dei furti di rame nell’ambito ferroviario che nelle settimane scorse hanno paralizzato la circolazione dei treni nella Sicilia Sud-Orientale, la polizia ha messo in campo una squadra di investigatori specializzata: si tratta del . “nucleo rame” della polizia ferroviaria che agisce per interrompere la filiera del traffico illecito di oro rosso.

L’intensificazione dei controlli ha portato al sequestro di un’area di circa 1000 metri quadrati su cui M.A. e M.M., rispettivamente di 68 e 43 anni, con precedenti penali specifici, esercitavano abusivamente un’attività di gestione di rifiuti, reato per il quale gli stessi dovranno rispondere dinanzi all’autorità giudiziaria. I rifiuti accatastati erano talmente tanti da essere chiaramente visibili dalla sede stradale che corre adiacente all’illecito sito di stoccaggio. Qui sono stati rinvenuti rifiuti speciali pericolosi di vario tipo, consistenti per lo più in parti di autovetture (portiere, fari, pneumatici e motori), batterie esauste, motori di elettrodomestici, cavi di rame bruciato per un peso di circa 10 chilogrammi e altro materiale vario. Su due grossi container sono stati ritrovate le guaine di rivestimento dei cavi di rame mentre, sul piazzale dell’attività è stata individuata un’autovettura parzialmente smontata e due targhe di altrettante auto: gli accertamenti effettuati presso la banca dati hanno evidenziato che esse non risultano rubate né demolite. Per tale motivo, la polizia ferroviaria sta effettuando ulteriori accertamenti per chiarire la presenza di tali veicoli in quel sito. Ulteriori indagini sono in corso anche per valutare l’eventuale danno ambientale causato dall’attività dato che, non essendo stati installati sistemi di protezione adeguati, i terreni si presentavano visibilmente impregnati di olio di motore e di acidi delle batterie.

foto 4 polfer_1-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta del secondo sequestro in pochi giorni nella provincia catanese e il quarto in Sicilia dall’inizio dell’anno. I controlli serrati, che proseguiranno ad oltranza, hanno l’obiettivo di colpire quelle attività che, acquistando illegalmente il rame oggetto di furti, danno impulso direttamente a questa tipologia di reato. Inoltre, la protezione aziendale ha rafforzato i sistemi di difesa passiva con sistemi tecnologici di ultimissima generazione che, al verificarsi di un furto, lanciano l’allarme e consentono alla Polfer che parallelamente ha anche intensificato le pattuglie lungolinea e i servizi mirati nelle aree più sensibili, di intervenire tempestivamente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Covid, bonus matrimonio: governo Musumeci stanzia oltre 3 milioni di euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento