Il Pala Galermo in balia dei vandali, Tomarchio chiede piano di vigilanza

Già due anni fa l'impianto subì il furto dei cavi di rame dall'impianto elettrico e la quasi totale distruzione della centralina

Il Pala Galermo dal settembre del 2015 ad oggi è stato smontato pezzo per pezzo dai vandali e dai ladri, che hanno portato via tutto ciò che potesse avere un qualche valore commerciale.

Due anni fa infatti, l’impianto, a pochi passi dal quartiere di Trappeto Nord, subì il furto dei cavi di rame dall’impianto elettrico e la quasi totale distruzione della centralina. All'epoca Salvatore Tomarchio, presidente della commissione al patrimonio, denunciò la quasi totale assenza di controlli.

"L'amministrazione comunale si ostina qui, come in molti altri impianti cittadini - denuncia Tomarchio - a non creare una sinergia o una programmazione duratura con le società che operano o che potrebbero operare all’interno di questi impianti. Un sito lasciato al degrado è un luogo di emarginazione e incuria che pesa sull’intera collettività. A beneficiare di tutto sono come sempre le organizzazioni criminali e i gruppi di delinquenti che proliferano in questo clima di insicurezza e degrado. Al Pala Galermo come al Pala-Nesima o all’ex istituto Brancati di Librino, i delinquenti fanno quello che vogliono perchè sono sicuri di farla franca. Ai cittadini e alle società sportive non rimane altro da fare se non sporgere denuncia presso le forze dell’ordine".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Coronavirus, in Sicilia 1.913 nuovi casi e 40 morti: a Catania +486 contagi

Torna su
CataniaToday è in caricamento