rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Cronaca Caltagirone

Due minorenni rubano una bici costosa e la mettono in vendita sui social: denunciati

Avevano sottratto il mezzo a un loro coetaneo nel cortile della scuola e poi avevano postato un annuncio di vendita. I carabinieri li hanno identificati e denunciati per furto aggravato

Avevano rubato una costosa bici KTM a un loro coetaneo e poi l'avevano messa in vendita sui social. Così due minorenni di Caltagirone sono stati denunciati dai carabinieri per furto aggravato. I fatti risalgono a qualche giorno fa quando la madre di un tredicenne si era recata in caserma per denunciare il furto della bici che il ragazzino utilizzava per recarsi a scuola, descrivendone accuratamente le caratteristiche per il suo riconoscimento.

E proprio mentre il ragazzo era impegnato in classe invece, ha riferito la donna, qualcuno avrebbe rubato la bicicletta lasciata dal figlio all’interno del cortile scolastico, senza catena di sicurezza. Il ragazzo però, dopo aver scoperto suo malgrado il furto, non si è perso d’animo ed ha tra l’altro subito verificato la categoria di annunci economici di un noto social network, scoprendo con grande sorpresa che la sua bicicletta, in tutto corrispondente a quella rubata anche nelle sue peculiarità, risultava essere in vendita sul profilo personale del
minore.

Immediatamente, dopo i preliminari accertamenti, i militari si sono presentati presso l’abitazione del ragazzo dove sua madre ha confermato il possesso di tale bicicletta che però, come riferitole dal figlio, sarebbe stata custodita da un altro ragazzo suo coetaneo al quale, a sua volta, sarebbe stata ricevuta in regalo da un'altra persona. Un successivo rapido confronto dei militari con i due ragazzi, poi, li avrebbe portati ad ammettere il furto e il successivo tentativo di rivendita della bicicletta che, invece, è stata restituita al ragazzino ovviamente raggiante di felicità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due minorenni rubano una bici costosa e la mettono in vendita sui social: denunciati

CataniaToday è in caricamento