menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo furto alla "Campanella Sturzo" di Librino: è il quarto in due mesi

La scuola è nuovamente nel mirino dei ladri. Questa volta hanno portato via infissi, porte e finestre attraverso un varco che ha dato accesso ad un residence privato. La scorsa volta era toccato ai condizionatori

Un nuovo furto è avvenuto questa notte presso l'istituto comprensivo statale "Campanella Sturzo" di Librino. E' evidente che i ladri non hanno la minima intenzione di lasiare in pace questa scuola di periferia, posta in viale Bummacaro 13: si tratta infatti del quarto episodio nel giro di due mesi, se si considera anche il plesso di viale Castagnola. Lo scorso 12 gennaio erano spariti, durante la notte, cinque impianti di condizionamento dal padiglione della scuola media. Il consigliere di muicipalità Davide Ranno, aveva colto l'occasione per sollecitare il Comune nell'installazione di un impianto di video-sorveglianza collegato con le centrali operative delle forze dell'ordine.

"Un sopralluogo è già stato effettuato - spiega la vicepreside Antonietta Sgroi, visibilmente scossa per quanto accaduto - e speriamo davvero che si possa trovare una soluzione definitiva. I ladri sono entrati segando delle sbarre di ferro ed hanno portato via oltre trenta tra porte e finestre". Il pesante materiale, scardinato con forza bruta, è stato fatto sparire passando attraverso un residence privato, in cui qualcuno potrebbe anche essersi accorto dei movimenti sospetti avvenuti durante la notte. Sul posto stamattina si sono recati gli investigatori della polizia scientifica. La solidarietà arriva da tutto il mondo politico. Francesco Valenti, consigliere del sesto municipio (Fdl) esprime ancora una volta il proprio rammarico per quanto accaduto, informando gli uffici competenti ed il Sindaco Salvo Pogliese.

"Non possiamo più tollerare quella che è diventata una vera e propria sfida tra i ladri e la scuola Campanella Struzo. È impossibile - aggiunge Davide Ranno, del gruppo consiliare di Italia Viva - che si riescano a portare via da una scuola porte, infissi, distruggere le macchinette, senza che nessuno veda nulla. Facciamo appello ai tanti cittadini per bene. Chi ha visto qualcosa parli: può contattare anche me o andare dalle forze dell'ordine. A nome del gruppo Italia Viva chiediamo un tavolo urgente con il Sindaco e con l'assessore Cantarella con delega alla sicurezza. Ogni giorno vengono elevate centinaia di multe per il mancato rispetto delle norme anti covid. Chiediamo la stessa attenzione anche per controllare questa una scuola".

"La gente del quartiere ci conosce da tempo - conclude la vicepreside Antonietta Sgroi - poichè la maggior parte dei docenti lavora qui da oltre un decennio ed abbiamo formato diverse generazioni di ragazzi. Con grande rammarico oggi non potremo accogliere i nostri alunni. Questi furti vanno a discapito dell'intera comunità di Librino".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

A Catania arriva PonyU Express: per negozianti e privati

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento