menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furto e riciclaggio di rame, sequestrati beni per 5 milioni di euro

L’indagine è partita nel 2014 a seguito dell’arresto in flagranza del quarantenne Alessandro Viglianisi ritenuto responsabile di acquisto e detenzione di sostanze stupefacenti, ricettazione, detenzione abusiva di arma, esplosivi, materie esplodenti e gas

La Polizia anticrimine ha proceduto ad un ingente sequestro patrimoniale nei confronti di un quarantenne catanese congiunto con un esponente del clan dei “Cursoti”. Attraverso una capillare ed articolata attività di intelligence la Polizia di Stato è riuscita a riscontrare una evidente sproporzione tra i redditi dichiarati ed il tenore di vita sostenuto dall'uomo e dai familiari (VIDEO).

L’indagine è partita nel 2014 a seguito dell’arresto in flagranza del quarantenne Alessandro Viglianisi ritenuto responsabile di acquisto e detenzione di sostanze stupefacenti, ricettazione, detenzione abusiva di arma, esplosivi, materie esplodenti e gas (VIDEO).

Nella circostanza, in occasione di un controllo di Polizia, presso una stazione di rifornimento carburante, di cui era titolare, venne rinvenuta la somma di venticinquemila euro suddivise in mazzette, due kg e mezzo di marijuana, una bilancia di precisione, oltre a due pistole semi automatiche marca Beretta, munite di caricatore e cartucce, entrambe provento di furto, un congegno artigianale a forma di penna modificato in arma da fuoco, un pugnale (con lama di 19 cm) ed un fucile calibro 16 corredato di cartucce, anch’esso provento di furto.

L’attività investigativa della Polizia di Stato ha consentito, altresì, di accertare che il quarantenne, è titolare di un’azienda individuale di carburanti e di autonoleggio anch’essi sottoposti a sequestro, nonché socio al 50% della società Ecometalli, considerata leader nel settore, che si occupa di trasformazione di rottami metallici e della gestione del traffico illecito dei materiali ferrosi. Inoltre risulta dipendente di una omologa Società gestita da un fratello, oggetto di numerose denunce per riciclaggio di metalli e sottoposto al sequestro di quaranta tonnellate di rame nonché di una considerevole quantità di binari ferroviari di provenienza furtiva.

La famiglia di Alessandro Viglianisi, il padre Rosario ed i fratelli Giuseppe e Benedetto da diverso tempo svolgono infatti attività imprenditoriali nella trasformazione di materiali metallici. Come è emerso dalle attività investigative e dai procedimenti a carico degli stessi è apparsa evidente l’illiceità delle predette attività imprenditoriali realizzate mediante la commissione di una serie di reati di reati di ricettazione e di riciclaggio di materiali ferrosi di provenienza illecita. Con il sequestro dell’ingente quantitativo di rame la Polizia di Stato ha inferto un duro colpo al business dell’“oro rosso”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento