Furto di energia elettrica da parte di pregiudicato sottoposto al “braccialetto elettronico”

La polizia ha scoperto l'allaccio abusivo durante un controllo presso l’abitazione del pregiudicato nel quartiere di Librino

È accaduto nuovamente, dopo neanche due settimane, un altro accertamento del personale della divisione di polizia anticrimine della Questura di Catania, che ha portato a scoprire un altro furto di energia elettrica da parte di un soggetto sottoposto all’applicazione del “braccialetto elettronico”.

Nello specifico, lo scorso 27 giugno, è stato eseguito un controllo presso l’abitazione del pregiudicato T.T. situata nel quartiere di Librino, constatando che l’alloggio popolare dove lo stesso scontava la misura cautelare era sprovvisto di regolare fornitura di energia elettrica ed allacciato abusivamente alla rete elettrica.

Nel corso dell’operazione di polizia giudiziaria, si è ha accertato, tramite verifica tecnica degli operatori Enel, che non solo l’abitazione del detenuto agli arresti domiciliari era abusivamente allacciata alla rete elettrica ma quasi tutte le abitazioni dello stabile. Segnatamente, su 32 appartamenti soltanto 4 erano alimentati da regolare fornitura di energia elettrica, mentre i rimanenti 28 risultavano “allacciati direttamente alla rete con presa e distribuzione tramite due cavi”.

Si è proceduto, pertanto, a verificare quali fossero gli appartamenti alimentati dagli allacci abusivi identificandone i proprietari nei cui confronti, dopo conseguenziale attività di indagine, si procederà alla denuncia per furto di energia elettrica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come si è rilevato durante l’operazione di polizia giudiziaria vi era una situazione di assoluto pericolo per l’incolumità degli stessi abitanti lo stabile in quanto i cavi elettrici abusivamente allacciati erano “scoperti”, privi di ogni requisito di sicurezza a tal punto che parte di essi mostravano segni evidenti di bruciature. Tale condizione avrebbe potuto causare un incendio in qualsiasi momento, come evidenziato in sede di accertamento da parte degli stessi tecnici Enel, i quali a fine verifica hanno distaccato l’allaccio abusivo e ripristinato le condizioni di sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento