Furto per farsi arrestare, Polizia lo denuncia ma avvisa Caritas

Dopo aver ammesso la propria responsabilità, il giovane si è però rifiutato di lasciare gli uffici della Polfer, ripetendo che voleva essere arrestato o collocato in una comunità. Gli agenti gli hanno detto che non vi erano i presupposti di legge per accogliere la sua richiesta e hanno contattato la Caritas

Per farsi arrestare o farsi affidare ad una comunità a Catania un diciannovenne originario di Agrigento, senza fissa dimora, il 12 luglio scorso non avrebbe esitato a rubare alcune stecche di sigarette e 70 euro nella rivendita di tabacchi dentro la stazione ferroviaria.

Tre giorni dopo, mentre era nella sala d'aspetto della stazione centrale, è stato riconosciuto dalla Polizia che aveva visionato le immagini del furto registrate dalle telecamere a circuito chiuso ed e' stato fermato e denunciato.

Dopo aver ammesso la propria responsabilità, il giovane si è però rifiutato di lasciare gli uffici della Polfer, ripetendo che voleva essere arrestato o collocato in una comunità.

 Gli agenti gli hanno detto che non vi erano i presupposti di legge per accogliere la sua richiesta e hanno contattato la Caritas e grazie all'intervento del responsabile della sede di Catania sono riusciti a ricondurre alla ragione il giovane, che si e' affidato alle cure della Caritas, dove, pero', ancora non si e' presentato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento