Assaltano con un escavatore uno sportello bancomat: otto arrestati

Su una vecchia auto rubata i malviventi avevano previsto di caricare lo sportello Atm. Sul mezzo ritrovato dai carabinieri vicino la banca è stato rinvenuto anche un jammer, un disturbatore di frequenze

Un gruppo di otto malviventi è stato arrestato a dai carabinieri della compagnia di Acireale mentre tentava di portare via con un escavatore uno sportello bancomat della filiale di Strada Primosole del Banco di Sicilia. Il colpo avrebbe fruttato un bottino di circa 60 mila euro. I militari sono intervenuti pochi minuti dopo la mezzanotte tra la notte di venerdì e sabato. 

Il piano dei banditi era di caricare lo sportello Atm su una vecchia Fiat 'Tipo' rubata, e trovata dai carabinieri a pochi metri di distanza dalla banca,  alla quale i ladri avevano tolto il tettuccio e nella quale erano stati posti alcuni pneumatici. Nell'auto i carabinieri hanno anche trovato un jammer, un disturbatore di frequenze, che avrebbe permesso di inibire un eventuale segnale Gps installato all'interno dell'Atm e,  allo stesso tempo,  di disturbare le comunicazioni radio delle forze dell'ordine.

I malviventi avevano inoltre rubato un'altra autovettura, una Fiat Tipo nuova, ed uno scooter Honda Sh, con i quali sarebbero scappati dopo il furto. Gli investigatori non escludono che il gruppo avrebbe tentato di attaccare anche lo sportello Atm di una filiale del Credito Siciliano situata a qualche decina di metri dalla banca presa di mira. Gli arrestati sono stati tutti rinchiusi nel carcere di piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento