rotate-mobile
Cronaca

Furto di smartphone e macchine fotografiche ai turisti, denunciato senegalese

Nel momento dell'irruzione, all'interno dell'abitazione venivano trovati ben 8 senegalesi, alcuni dei quali dimoranti in quella casa, tra cui un trentunenne, privo di regolare permesso di soggiorno

Nel primo pomeriggio di ieri, le volanti sono intervenute presso un’abitazione al primo piano di via Sapuppo, nel rione San Cristoforo, dove era stato segnalato un continuo andirivieni di individui che si recavano presso l’abitazione di un tale Amed.

Nel momento dell’irruzione, all’interno dell’abitazione venivano trovati ben 8 senegalesi, alcuni dei quali dimoranti in quella casa, tra cui un trentunenne, privo di regolare permesso di soggiorno, che a richiesta degli operatori riferiva essere soprannominato Amed (essendo diverse le proprie generalità). L’immediata perquisizione eseguita nell’immobile portava al rinvenimento di oltre 40 “pezzi” tra tablet, telefoni cellulari e macchine fotografiche, relativamente ai quali Amed riferiva essere propri senza, tuttavia, esser capace di specificare dove e quando li avesse comprati o ricevuti.

Visionando le immagini memorizzate negli apparecchi che si potevano accendere, si riscontrava la presenza di foto scattate da turisti in luoghi tipici siciliani, circostanza dalla quale si capiva che gli oggetti ritrovati erano senz’altro provento di furto e che il senegalese era un ricettatore. Amed è stato denunciato in stato di libertà per ricettazione; inoltre, per lo stesso ed altri cinque connazionali, tutti privi di permesso di soggiorno, sono state attivate le procedure d’espulsione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto di smartphone e macchine fotografiche ai turisti, denunciato senegalese

CataniaToday è in caricamento