menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furto gioielli e tentata estorsione: arrestati accusatori processo Vezzosi

Sono coinvolti nel processo a carico del cantante neomelodico etneo, accusato per aggressione. Questa volta sono loro ad essere protagonisti: l'accusa è di furto, ricettazione e tentata estorsione

Sono gli accusatori nel processo per lesioni personali a carico del cantante neomelodico Gianni Vezzosi. Adesso, invece, sono loro ad essere accusati per furto, ricettazione e tentata estorsione. Si tratta dell'ex compagna del cantante catanese, L.C., e dell'amico, S.B. di anni 40, che sarebbe stato vittima di pestaggio, secondo l'accusa nel processo Vezzosi.

Nella vicenda che questa volta li vede coinvolti, l'uomo avrebbe rubato alcuni gioielli con la complicità della donna, chiedendo poi una somma di denaro alla vittima del furto in cambio della restituzione del bottino.

La tecnica nota come "cavallo di ritorno" è sfumata dopo la segnalazione della vittima, che ha permesso agli agenti di intervenire nel luogo fissato per l'incontro e la restituzione dei gioielli. S.B. conosceva le abitudini della signora vittima del furto: possedeva infatti le chiavi di casa perchè era impiegato saltuariamente come dog-sitter.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Sicurezza

Fughe delle piastrelle: i prodotti da utilizzare

social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento