G20: restano in carcere i due catanesi fermati in Germania

Il Centro Sociale Liotru, del quale i due catanesi fanno parte, hanno organizzato per stasera un aperitivo benefit per le spese legali

Restano in carcere nella prigione di Billwerder, in Germania, Orazio Sciuto, di 31 anni, ed Alessandro Rapisarda, di 25, i due catanesi fermati dalle autorità tedesche insieme ad altri quattro italiani per gli scontri in occasione del G20 ad Amburgo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A renderlo noto sono stati i loro legali, Pierpaolo Montalto e Goffredo D'Antona. Intanto il Centro Sociale Liotru, del quale i due catanesi fanno parte, hanno organizzato per stasera un aperitivo benefit per le spese legali. Il ricavato andrà a coprire le spese legali che i due ragazzi e le loro famiglie stanno sostenendo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento