Sgominata banda di rapinatori catanesi in trasferta: 5 arresti

Cinque persone dimoranti a Catania sono state raggiunte dalla misura cautelare coercitiva, per uno si sono aperte le porte del carcere mentre gli altri quattro sono stati posti agli arresti domiciliari

Alle prime luci dell'alba i carabinieri della compagnia di Taormina hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Giudice delle Indagine Preliminari di Messina, su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di un gruppo di scassinatori seriali catanesi.

Cinque persone dimoranti a Catania sono state raggiunte dalla misura cautelare coercitiva, per uno si sono aperte le porte del carcere mentre gli altri quattro sono stati posti agli arresti domiciliari.

Gli arrestati sono il 35 enne romeno, domiciliato a Catania, Caldararu Ilie, destinatario del provvedimento restrittivo in carcere ed i catanesi: Santo Ravasco e Paolo Cosentino, entrambi 24enni, il 22enne Salvatore Leonardi ed il 21 enne Omar Nassibi, i quali dovranno rispondere del reato di furto aggravato in concorso ai danni del supermercato ''Conad'' situato nel centro cittadino di Gaggi (Messina).

Le indagini sono state avviate alla fine del settembre del 2016, a seguito della denuncia sporta dal titolare del suddetto supermercato il quale, nella notte tra il 24 ed il 25, aveva subito un furto aggravato presso il proprio esercizio commerciale per un valore complessivo di oltre 35 mila euro tra controvalore della merce sottratta e danni patiti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento