menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Garantire un futuro ai lavoratori de 'La Sicilia', incontro tra sindacati e commissari

Antonio D'Amico segretario regionale della Fistel Cisl ha commentato l'esito dell' incontro convocato nelle sedi del quotidiano etneo per fare il punto sulle strategie e soluzioni atte a consentire il salvataggio del gruppo editoriale

"? stato un incontro proficuo e costruttivo, stiamo lavorando insieme ai commissari per garantire un futuro ai lavoratori del quotidiano 'La Sicilia' e a quelli delle società collegate all’editore della storica testata catanese". Così Antonio D'Amico segretario regionale della Fistel Cisl ha commentato l'esito dell' incontro convocato nelle sedi del quotidiano etneo per fare il punto sulle strategie e soluzioni atte a consentire il salvataggio del gruppo editoriale.

All'incontro hanno preso parte i commissari del tribunale di Catania Luciano Modica, Angelo Bonomo, Alessia Paffumi, i sindacalisti della Fistel Cisl delle realtà catanesi, il segretario nazionale Gigi Pezzini, D'Amico e Antonello Piraneo, attualmente Direttore della testata "La Sicilia".

“Abbiamo visitato le rotative, sede del cuore della produzione del giornale, le altre aree dell'azienda e gli uffici amministrativi. Abbiamo, insieme ai commissari e al direttore della redazione Antonello Piraneo, parlato a lungo sulle soluzioni da adottare, obiettivo di tutti è salvare l'azienda e creare le basi per un futuro - continua Antonio D'Amico, segretario regionale della Fistel-Cisl - Un lavoro che i commissari stanno portando avanti con grande impegno e coinvolgendo tutte le parti, dietro La Sicilia ci sono infatti, uomini e di donne che lavorano a tutte le ore".

"Il percorso che stiamo facendo è senza dubbio delicato e a ostacoli ma stiamo mettendo in piedi delle sinergie importanti con la redazione e con tutte le società del gruppo: ETIS 2000, IES e DSE. In questa fase è necessario unire le forze, solo così, gli enormi sacrifici perpretati già da molti anni, parliamo dei lavoratori che potranno condurre ad una via d'uscita risolutiva. Da questa crisi l'azienda ne ha tratto una maggiore identità poiché i lavoratori sono partecipi e coinvolti nelle scelte che riguardano il futuro del giornale. E' bene sottolineare, inoltre, che la morte dell' editoria a Catania rappresenterebbe un disastro di proporzioni incredibili e questa città non potrebbe permetterselo. Per questa ragione lotteremo con tutte le nostre forze perché ciò non avvenga, vogliamo pertanto sensibilizzare il governo sul tema dell' editoria, e soprattutto far capire tutto il lavoro che c'è dietro la creazione di questo giornale".

"Le risorse umane sono, infatti, la linfa vitale di queste aziende, Il capitale umano grazie al quale ogni giorno il giornale arriva nelle edicole, parliamo di giornalisti, professionisti, tecnici a figure professionali di alto livello. La situazione del gruppo è delicata per Catania, dove le sostenibilità economiche sono piu raggiungibili, tutti gli attori in causa si stanno impegnando per garantire le commesse di lavoro e l'efficienza delle attività per il Giornale ed il Centro stampa; il lavoro e l'impegno che si stanno mettendo in campo sono positivi e gli stessi Commissari possono riconoscerlo. Alla Gazzetta del Mezzogiorno di Bari ( altra azienda commissariata), pur in condizioni drammatiche si stanno facendo tutti gli sforzi necessari al mantenimento della testata storica pugliese. Sul fronte istituzionale gli impegni assunti dal governo sono di intervento anche legislativo sui prepensionamenti richiesti legittimamente a fronte di una situazione disperata del settore nel suo insieme e di specifiche situazioni come a Bari dove addirittura sostanzialmente la proprietà è congelata e gli interessi di continuità aziendale non sono certi. Sarebbe assurdo non trovare una soluzione industriale in questa realtà e tutti i soggetti coinvolti devono affrettarsi in proposte risolutive e di prospettiva", dichiara il segretario nazionale Fistel-Cisl Gigi Pezzini. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo: come eliminarlo

Alimentazione

Ingrassare: i periodi nei quali lo si fa 'naturalmente'

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento