Medico aggredito al Garibaldi, Arcidiacono:" Ospedali sempre meno sicuri"

"Ci troviamo di fronte ad un imbarbarimento diffuso, nei confronti del quale è doveroso non stare a guardare" ha commentato il coordinatore di Forza Italia Giuseppe Arcidiacono

“L’ennesima aggressione sul lavoro ai danni di un medico a Catania, questa volta al pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi. Un episodio intollerabile di violenza, nei confronti di un professionista che ha avuto, come unica colpa, quella di svolgere con correttezza il proprio compito. E’ d’obbligo incrementare sorveglianza e sicurezza negli ospedali, a tutela dei cittadini per bene, la stragrande maggioranza, e di chi vi lavora, che deve potere operare con serenità. Ci troviamo di fronte ad un imbarbarimento diffuso, nei confronti del quale è doveroso non stare a guardare". Così l’onorevole Giuseppe Arcidiacono, coordinatore di Forza Italia a Catania commenta l'ennesimo episodio di violenza avvenuto questa volta, all'ospedale Garibaldi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Quello che accade sempre più frequentemente nei nosocomi cittadini è lo specchio del crescente disagio della nostra città, di una società sempre più degradata, povera di risorse e di valori. Ad appesantire una situazione a dir poco complessa, anche il nulla di fatto di un’amministrazione comunale incapace di affrontare uno stato di vera e propria emergenza sociale. Chi guida la città prenda il toro per le corna mettendo in atto azioni concrete, le sole parole non servono a nulla”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento