"Genitori a vita" incontra il Papa per avere "asilo politico" al Vaticano

L'appello al Papa nasce dal bisogno di avere una giustizia più snella ed equa per i separati e per evidenziare come l'affido condiviso, che prevede 26 giorni con un genitore e 5 con una altro, è comunque sproporzionato per i piccoli che subiscono il trauma del divorzio

Si è rivolta al Papa l'associazione catanese "Genitori a vita" che, da anni, si occupa del delicato rapporto tra piccoli, mamme e papà dopo la separazione. La richiesta è semplice: avere "asilo politico" al Vaticano.

L'appello al Papa nasce dal bisogno di avere una giustizia più snella ed equa per i separati e per evidenziare come l'affido condiviso, che prevede 26 giorni con un genitore e 5 con una altro, è comunque sproporzionato per i piccoli che subiscono il trauma del divorzio. 

Mercoledì 9 ottobre, nella giornata di udienza generale, una trentina di genitori che fanno parte dell'associazione e che combattono da anni per rivedere i loro figli si presenteranno da Papa Francesco con il preciso proposito di chiedere aiuto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento