Gestione delle spiagge libere, Messina: "Ancora ombre sulla gestione Bianco"

"L'appalto per la gestione dei solarium e delle spiagge comunali è stato affidato ad una azienda il cui dipendente responsabile della gestione è stato rinviato a giudizio nell'ambito di un'inchiesta per mafia con l'accusa di essere stato il prestanome di Orazio Buda, vicinissimo al capomafia del clan Cappello", dichiara Messina

"L’appalto per la gestione dei solarium e delle spiagge comunali è stato affidato ad una azienda il cui dipendente responsabile della gestione è stato rinviato a giudizio nell’ambito di un’inchiesta per mafia con l’accusa di essere stato il prestanome di Orazio Buda, vicinissimo al capomafia del clan Cappello. Ancora un altro prestanome della mafia, si ricorda il caso Di Bella, getta ombre sulla gestione Bianco", dichiara Manlio Messina, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia – An e consigliere all’opposizione del comune di Catania. 

Spiagge libere comunali, D'Agata risponde a Messina: "Bando assegnato dopo il nulla osta del Prefetto"

"Dinnanzi a questa vicenda è inaccettabile il silenzio delle varie associazioni da sempre in prima linea nella lotta alla mafia, mi riferisco ad Addio Pizzo, a Libera o a Città Insieme – continua Messina - una situazione che ancora una volta dà la sensazione che in questa città vi siano due pesi e due misure, come se la mafia vada rilevata solo quando ha a che fare con una parte politica".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Se vi è l’ombra della mafia sulla gestione delle nostre spiagge libere si intervenga subito. Soprattutto, rivolgiamo un appello alla Commissione Antimafia regionale e nazionale. Nella consapevolezza che questa Amministrazione non abbia nulla a che fare con la mafia, allo stesso modo è indubbia l'incapacità di amministrare questa città. Questo episodio, che si aggiunge ad altri altrettanto equivoci, deve svegliare le coscienze dei catanesi e delle associazioni di vario tipo che dovrebbero sentirsi motivate a chiedere le immediate dimissioni del Sindaco e della sua Giunta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento