menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gestiva un traffico di migranti anche a Catania: eritreo estradato dalla Germania

Agiva, in particolare, nelle province di Agrigento, Catania, Roma e Milano, favorendo la permanenza illegale dei clandestini sul territorio nazionale

E' stato estradato dalla Germania in Italia, dove é giunto questa mattina allo scalo di Roma Fiumicino, il cittadino eritreo Fitiwi Negash. Scortato da personale del servizio per la cooperazione internazionale di polizia, é stato consegnato dalle Autorità tedesche. Nei suoi confronti, investigatori della polizia hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per i reati di associazione per delinquere, nonché di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e della permanenza di stranieri irregolari, aggravati dal carattere transnazionale del sodalizio malavitoso.

Le indagini, svolte dalle squadre mobili di Agrigento e Palermo e dal servizio centrale operativo, avevano consentito di individuare la "cellula" italiana del "network" criminale in questione che, in modo complementare a quella operante nel territorio africano, agiva, in particolare, nelle province di Agrigento, Catania, Roma e Milano, favorendo la permanenza illegale dei clandestini sul territorio nazionale e agevolandone il successivo espatrio verso altri Paesi dell'Unione Europea, tra cui la Germania, la Norvegia e la Svezia.

Negash è stato indagato nell'inchiesta Glauco II, coordinata dalla Procura Distrettuale di Palermo, che, nel mese di aprile 2015, aveva consentito di disarticolare un sodalizio criminale, con l'esecuzione di un provvedimento restrittivo eseguito nei confronti di 24 cittadini eritrei, etiopi, ivoriani, guineani e ghanesi.

In particolare, Negash è apparso particolarmente attivo, sul territorio siciliano, nel promuovere, organizzare ed effettuare il trasferimento di clandestini verso vari Paesi del Nord Europa. Il cittadino eritreo, è stato inserito anche nel cosiddetto progetto Hydra, iniziativa del Segretariato Generale Interpol di Lione sui soggetti latitanti più pericolosi, attivi nell'ambito del traffico di migranti, volta alla loro localizzazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Svegliarsi di notte - I significati secondo la medicina cinese

Alimentazione

Curcuma: proprietà e benefici

Cura della persona

Manicure semipermanente senza lampada - Ecco come

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento