Gettonopoli al Comune, Pm chiede rinvio a giudizio per 34 consiglieri

Secondo l'accusa "gli indagati erano presenti "contemporaneamente e in modo anomalo e non conforme al vero, in diverse sedute, nello stesso giorno e alla stessa ora, in sedi distanti tra loro"

Nell'ambito dell'inchiesta su una presunta "gettonopoli" al comune di Catania, la procura ha chiesto il rinvio a giudizio per 34 consiglieri comunali e 17 segretari di commissione. Il provvedimento si riferisce a fatti avvenuti nel 2014 e ipotizza a vario titolo i reati di truffa aggravata, abuso d'ufficio e falso in atto pubblico, facendo seguito al rigetto dell'archiviazione del fascicolo, il 30 gennaio scorso, da parte del presidente dell'ufficio dei Gip, Nunzio Sarpietro.

Secondo l'accusa i consiglieri erano presenti "contemporaneamente e in modo anomalo e non conforme al vero, in diverse sedute, nello stesso giorno e alla stessa ora, in sedi distanti tra loro". L'udienza preliminare si terrà davanti al Gup Fabio Digiacomo Barbagallo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento