Gianpaolo Pasqualino: grande ritorno a Catania con il “thriller” teatrale “nemici per la pelle”

Uno spettacolo per avvicinare Catania e i catanesi alla contemporaneità europea.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

La Sicilia si prepara a riabbracciare uno dei suoi talenti. Gianpaolo Pasqualino, dopo aver vinto il Premio UBU come miglior attore under 35, ritorna a Catania con la sua compagnia Diapason per una nuova prima assoluta: “Nemici per la pelle”, in scena il 12 e il 13 dicembre al Teatro Sipario Blu di Catania. IL CAST – Lo spettacolo vede in scena, oltre allo stesso Pasqualino e Tano Mongelli (già grande protagonista de “La Frittata”), altri due premi UBU come Alessandro Bay Rossi e Ludovico Fededegni. Lo spettacolo è prodotto da Diapason in co-produzione con l’agenzia Happy Ideas. Si tratta di un altro inedito che porterà una ventata d’aria fresca nel panorama teatrale etneo. Nemici per la pelle è un “thriller” teatrale ispirato a grandi maestri dell’arte contemporanea del calibro di Harold Pinter e Quentin Tarantino. LA TRAMA “Nemici per la pelle”è la storia di quattro amici d’infanzia. Paolo, Peppe e due fratelli Fede e Marco. I quattro, uniti dal sogno di emergere con la loro band , finiscono per precipitare in un abisso di morte e disperazione. L’uccisione di uno dei componenti e la voglia di vendicarsi dei suoi amici, modificherà le loro vite in maniera irreversibile. L’arrivo della morte, che piano piano diventerà strumento del loro “pane quotidiano”, sbiadisce le anime dei protagonisti ormai prigioniere del loro destino. L’unica ora d’aria possibile è rappresentata dal figlio di Peppe cresciuto, di fatto, con “tre” padri. Ma quando il piccolo si ritroverà in pericolo, la loro amicizia degenererà irreversibilmente rendendo i tre in “Nemici per la pelle”. I TEMI – Il testo è una grande indagine sul sentimento dell’amicizia. Sull’opera Pasqualino spiega: “Pensa al tuo migliore amico. Quello che conosce tutti tuoi parenti. Quello che ti ha visto piangere di felicità, quello in prima fila al funerale di un tuo caro. Focalizzato? Bene. Immagina sia costretto, per sopravvivere, a puntarti una pistola alla testa: se dovessi scommettere la tua vita sul fatto che lui prema o no il grilletto, su cosa punteresti? E se fossi tu ad avere la pistola in mano, lui su cosa scommetterebbe?”. IL RITORNO – Dopo il grande successo de “La Frittata” e la parentesi bolognese di “Com’è profondo il mare”, il desiderio di Pasqualino di riportare Diapason nella sua Catania nasce dalla volontà di contribuire a creare nel pubblico un gusto diverso rispetto a quello classico. Il gruppo di lavoro è completato dai costumi di Giovanna Mazzola e dall’ufficio stampa diretto da Serena Giudici. Inoltre l’occhio di Marco Foti documenterà il processo creativo, avvicinando il pubblico più giovane a un modo di fare teatro più vicino alla contemporaneità europea. Lo spettacolo sarà in scena martedì 12 e mercoledì 13 dicembre alle ore 21:00 al Teatro Sipario Blu di Catania. Per informazioni e prenotazioni è possibile visitare la pagina Facebook “Diapason” o chiamare i seguenti numeri: 0957143378 – 3282628028

Torna su
CataniaToday è in caricamento