Giarre: aggiudicati i lavori in via Silvio Pellico

Sono stati aggiudicati ad una impresa di Pedara, con un ribasso di circa il 22%, i lavori per la ripavimentazione di via Silvio Pellico

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Sono stati aggiudicati ad una impresa di Pedara, con un ribasso di circa il 22%, i lavori per la ripavimentazione di via Silvio Pellico. La realizzazione delle opere puntano esclusivamente alla mitigazione dei rischi idrogeologici in un territorio particolarmente vulnerabile, hanno anche l’obiettivo di ripristinare le condizioni di sicurezza su una delle arterie strategiche del territorio comunale, a sud della cittadina jonica, particolarmente transitata.

L’intervento – come conferma la dirigente della III Area Lavori pubblici, ing.Pina Leonardi – muove dalla necessità di eliminare ogni tipo di pericolo, in considerazione delle gravi condizioni in cui versa il manto stradale, oggetto di una apposita ordinanza sindacale con la quale si dispone la limitazione di velocità a 20 kmh e la segnalazione di “strada dissestata”.

I lavori che avranno inizio a breve e per i quali è stata preventivata una spesa di 48.860,00 consistono nella scarificazione della pavimentazione esistente in conglomerato bituminoso; demolizione e ricostruzione di un pozzetto; pulitura e sifonatura di circa 30 caditoie esistenti per la raccolta acque meteoriche. “La ripavimentazione di via Silvio Pellico - afferma l’assessore Orazio Scuderi – rientra in quel programma di interventi urgenti di protezione civile, eseguiti nei punti più sensibili del territorio. Cosi come si sta operando in via Foscolo,  il ripristino del manto, oltre a garantire una maggiore sicurezza, consentirà, nel contempo, un migliore deflusso delle acque meteoriche, in quanto è previsto, nell’ambito dei cantieri, la pulizia delle caditoie ivi presenti lungo l’arteria che attraversano  un’area ad alta densità demografica”.
 

Torna su
CataniaToday è in caricamento