Giarre, maltrattamenti in famiglia e detenzione abusiva di armi: arrestato

I militari avrebbero bloccato l'uomo ancora in preda all'ira ed in stato di agitazione accertando che poco prima lo stesso aveva aggredito la moglie, a seguito di un diverbio scaturito per futili motivi, minacciandola con un coltello a serramanico. Perquisita l'abitazione dell'uomo

Maltrattamenti in famiglia e detenzione abusiva di armi e munizioni. Questi i motivi che hanno portato all'arresto da parte dei carabinieri di Giarre di R.G., 55enne di Giarre. Dalla ricostruzione della dinamica emerge come nella serata di ieri una gazzella, a seguito di una telefonata al 112 che segnalava una lite in famiglia, è intervenuta immediatamente in un’abitazione del luogo.

Giunti sul posto i militari avrebbero bloccato l’uomo ancora in preda all’ira ed in stato di agitazione accertando che poco prima lo stesso aveva aggredito la moglie, a seguito di un diverbio scaturito per futili motivi, minacciandola con un coltello a serramanico.

Nel corso della perquisizione domiciliare, eseguita contestualmente, sono state rinvenute 134 cartucce di vario calibro che l’uomo deteneva illecitamente. Il coltello a serramanico con una lama di 9 cm e le munizioni sono state sequestrate. L’arrestato è stato trattenuto in camera di sicurezza in attesa di essere giudicato con rito direttissimo, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, nuova ordinanza regionale: ecco le restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento