Giarre: sfugge ad aggressione e si barrica in scuola

Venditore di frutta per sfuggire agli aggressori scappa rifugiandosi nella scuola media attigua al Liceo Artistico creando il panico tra insegnanti e alunni che stavano per lasciare l'istituto al termine delle lezioni

A Giarre, intorno alle 13.15 di ieri, due uomini hanno aggredito nel centrale Corso Libertà un venditore ambulante di frutta di 34 anni, A.P., che è riuscito a scappare rifugiandosi nella scuola media attigua al Liceo Artistico creando il panico tra insegnanti e alunni che stavano per lasciare l'istituto al termine delle lezioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I ragazzi sono stati fatti rientrare subito in classe e i bidelli hanno tenuto il portone chiuso. I carabinieri sono intervenuti avvertiti da telefonate di cittadini che avevano sentito alcuni colpi di pistola e sul luogo dell'aggressione sono stati trovati due proiettili inesplosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento