Gigi Tropea e il Natale a Catania: "In politica? Si, ma da consulente esterno"

In vista delle future feste natalizie e in presenza della crisi che continua a mietere vittime a Catania come in tutta la Sicilia, abbiamo voluto dare voce ai commercianti che continuano a battersi ogni giorno, con fatica per il futuro di questa città. E non potevamo che cominciare da Gigi Tropea

In vista delle future feste natalizie e in presenza della crisi che continua a mietere vittime a Catania come in tutta la Sicilia, abbiamo voluto dare voce ai commercianti che si battono ogni giorno, con fatica, per il futuro di questa città. E non potevamo che cominciare da Gigi Tropea.

Come ogni anno, infatti, il "Christmas Countdown" per i catanesi ha inizio proprio con le sue vetrine. Appena spunta il famoso Babbo Natale, siamo tutti più contenti. Prima in via Monfalcone, ora al viale Africa. Clienti, curiosi e passanti rimangono sempre attratti dalle sue idee.

natale-7Così scopriamo già un piccolo borgo in bella mostra che sembra ricreare l'atmosfera calda dei mercatini natalizi, con tanto di bandiere greche e americane. Un colpo alla crisi e un tocco alla crescita, per non scontentare nessuno. 

Ma si può ancora crescere a Catania? "Non credo molto nelle iniziative di questa amministrazione - commenta nella nostra VIDEO INTERVISTA - e credo sia inutile spendere centinaia di migliaia di euro per organizzare un 'natale da poveri' quando si potrebbe avere uno 'spettacolo da ricchi' stanziando la stessa cifra, ma con una programmazione seria alle spalle per i grandi eventi in piazza".

Un futuro ingresso in politica? "Per adesso mi accontento di guardarla da fuori - risponde Tropea - anche se non mi vedrei male nel ruolo di consulente esterno, ovviamente solo negli ambiti in cui la mia figura professionale può essere spendibile". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento