Nodo Gioeni, "tornaindietro" in via Petraro: "Bisogna accelerare i tempi"

Arriva l'appello dei consiglieri della seconda municipalità, Campisi e Patella, i quali chiedono "Urgentemente una conferenza dei servizi con l'assessore al ramo D'Agata e con i tecnici comunali per spiegare modalità e tempistiche". Ma dal comune fanno sapere che i lavori dureranno un paio di mesi

L'amministrazione aveva annunciato che entro fine agosto sarebbero partiti i lavori. La questione è oggi ancora "calda" e riguarda il tornaindietro di via Petraro, il quale si preannuncia come l'ennesimo snodo fondamentale per rendere più agevole il flusso veicolare nei pressi del nodo Gioeni. L'Ufficio Traffico urbano-Sezione sottosuolo ho appena comunicato che da domani, giovedì 4 settembre, sarà in vigore il senso unico di marcia in via Petraro, nella direzione via Del Bosco - via Passo Gravina. Il provvedimento è stato adottato per consentire alla Direzione Lavori Pubblici i lavori di realizzazione dello svincolo di via Petraro, che saranno completati indicativamente entro un paio di mesi.

Il campanello d'allarme sulla tempistica dei lavori, alla luce soprattutto dell'inizio del nuovo anno scolastico, arriva dal vice presidente della seconda circoscrizione "Picanello-Ognina-Barriera-Canalicchio", Alessandro Campisi.

"Sul torna indietro di via Petraro e sugli interventi da apportare nella zona del Tondo Gioeni - dichiara Campisi - bisogna fare presto. Altrimenti il rischio è che, a metà settembre con l’apertura delle scuole, uno dei principali snodi viari di Catania si paralizzi sistematicamente durante le ore di punta". Dello stesso avviso la consigliera Adriana Patella, che insieme al vice presidente della seconda circoscrizione chiede "Urgentemente una conferenza dei servizi con l’assessore al ramo D’Agata e con i tecnici comunali per spiegare modalità e tempistiche alla cittadinanza di un piano di interventi che causa molte perplessità e disagi a residenti e commercianti del territorio".

Le perplessità sollevate non riguardano soltanto la questione viabilità, ma si concentrano in modo particolare sulla situazione delle attività commerciali nella zona compresa tra Barriera e Canalicchio: "La preoccupazione è che il torna indietro su via Petraro possa dare il colpo di grazia ad una zona che ancora fatica a trovare un piano viario definitivo - spiegano Patella e Campisi - La conseguenza inevitabile sono la crisi delle attività commerciali e le decine di segnalazioni e proteste che riceviamo negli uffici da parte di cittadini preoccupati per un cantiere che va assolutamente ultimato entro la metà di settembre. L’apertura delle scuole infatti provocherà un flusso di migliaia di veicoli, provenienti dai paesi dell’hinterland, che si riverseranno sulla parte nord di via Passo Gravina per raggiungere il centro di Catania”. 

Nell'incontro fissato per la prossima settimana saranno quindi presenti anche i commercianti e gli abitanti di Barriera e Canalicchio per raccogliere le loro proposte e idee sulla viabilità nella zona del Tondo Gioeni. “Suggerimenti che - dice la consigliera della II municipalità Adriana Patella - riguardano la stessa circonvallazione. Dal viale Odorico da Pordenone, infatti, decine di mezzi di ogni tipo si immettono in via Pietro Dell’Ova attraversando le due corsie di via Loius Braille. Una manovra pericolosa che è diventata consuetudinaria nonostante la presenza della segnaletica orizzontale e verticale. Un problema che - prosegue Patella - causa tanti incidenti stradali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento