Anche Catania celebra la prima "Giornata mondiale dei poveri"

Sabato 18 novembre, alle ore 20 e 30, si comincerà con una veglia di preghiera ispirata al tema proposto dal Santo Padre

La prima Giornata mondiale dei poveri – istituita da Papa Francesco in occasione del Giubileo della Misericordia per giorno 19 novembre – si celebrerà, tra sabato e domenica prossimi, anche nella Diocesi di Catania, presso il Santuario di San Francesco d'Assisi all'Immacolata. Sabato 18 novembre, alle ore 20.30, si comincerà con una veglia di preghiera ispirata al tema proposto dal Santo Padre: “Non amiamo a parole ma con i fatti”. Domenica 19 novembre, alle ore 11, si procederà con la celebrazione eucaristica presieduta da Don Piero Galvano, direttore Caritas Catania. Nella stessa giornata, alle ore 13, sarà il momento del pranzo di Santa Elisabetta, nel corso del quale i volontari prepareranno i pasti per centinaia di bisognosi della Città. L'evento vedrà la benedizione di Sua Eccellenza Mons. Salvatore Gristina, Arcivescovo di Catania, e l'intervento di Enzo Bianco, sindaco di Catania.

Due giorni di riflessione e attività concrete sul tema della povertà, nel nome dei dettami contenuti nel messaggio di presentazione della Giornata: la povertà non può essere considerata un concetto astratto. Per Papa Francesco "la povertà ha il volto di donne – si legge nel testo del suo messaggio – di uomini e di bambini sfruttati per vili interessi, calpestati dalle logiche perverse del potere e del denaro". Contenuti che stanno alla base delle due giornate organizzate dall'Arcidiocesi di Catania e dall'Ordine Francescano Secolare (zona Catania), in collaborazione con la Caritas Diocesana di Catania e col gratuito patrocinio del Comune di Catania. Ha partecipato, inoltre, l'Istituto Tecnico Industriale “S. Cannizzaro” di Catania. Anche il luogo dell'incontro tra la comunità catanese dei volontari e gli ultimi della Città risponde a una precisa scelta simbolica e sostanziale.

Lo ha spiegato Don Piero Galvano, direttore della Caritas Diocesana: "S. Francesco ha cambiato la Chiesa. Nella Giornata Mondiale dei poveri, abbiamo scelto la Chiesa di S. Francesco all’Immacolata per dare alla nostra Diocesi un chiaro messaggio: siamo chiamati a vivere e a mettere in pratica la spiritualità di S. Francesco, una Chiesa povera per i poveri. Dobbiamo cambiare vita, dobbiamo convertirci e attuare la regola della “condivisione” come espressione dell’amore verso Dio e il prossimo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento