Giorno del dono, le iniziative in città: "Ascolto e inclusione"

Evento promosso dall’Istituto Italiano della Donazione (IID) in collaborazione con Fondazione Ebbene e il patrocinio del Comune di Catania e della Regione Siciliana

Una città sensibile all’ascolto, che sa dialogare e mettere in campo processi inclusivi per non lasciare nessuno indietro. Ѐ questa la fotografia di Catania restituita ieri, 1 ottobre, durante la terza tappa del “Giro dell’Italia che Dona”, evento promosso dall’Istituto Italiano della Donazione (IID) in collaborazione con Fondazione Ebbene e il patrocinio del Comune di Catania e della Regione Siciliana. Una prospettiva diversa e originale, quella donata dalle Istituzioni agli oltre 300 studenti che con entusiasmo e straordinaria curiosità hanno partecipato all’apertura del Giorno del Dono. Un invito ad essere protagonisti e costruttori di quel futuro fatto di solidarietà e crescita di una cultura condivisa del dono. «Avete un compito fondamentale – ha dichiarato il Sindaco di Catania Salvo Pogliese, rivolgendosi ai giovani – quello di migliorare la nostra città. Siete tra le generazioni più sensibili alle tematiche sociali e lo avete dimostrato nei giorni scorsi scendendo in piazza per reclamare il diritto ad avere un futuro. Portate avanti le vostre idee e contaminate i pensieri degli adulti donando tutto il vostro entusiasmo». «Siete voi giovani – ha sottolineato il Segretario generale dell’Istituto Italiano della Donazione Cinzia Di Stasio - la migliore rappresentazione di un Paese che riesce ancora oggi a impegnarsi su un tema, quello dell’ascolto e apertura verso l’altro, che spesso risulta essere scomodo e difficile».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutta la mattinata è stata caratterizzata dall’attenzione verso gli studenti che si sono interrogati sul significato del dono stimolati anche dal racconto e dall’esperienza di alcuni testimoni d’eccezione: Lucio Maugeri, Presidente degli Elephants Catania, squadra di football americano del capoluogo etneo, il gruppo di volontari delle associazioni Save the Children e Avis Catania, Antonio e Katiuscia Chiarenza dell’associazione Comunità Papa Giovanni XXIII. Ad ospitare il dibattito l’Istituto Comprensivo “Sauro-Giovanni XXIII”, scuola aperta al confronto con la città per stimolare gli studenti a riflettere su tematiche a forte impatto sociale, così come ha sottolineato la dirigente Francesca Condorelli. Significativo l’incontro che si è tenuto subito dopo tra i referenti dell’IID e i ragazzi dell’Istituto Penale per Minorenni di Acireale. Al centro il valore del dono come forma di riscatto sociale e inclusione, che gli stessi ragazzi praticano quotidianamente grazie alle tante esperienze di volontariato in cui sono coinvolti. La giornata si è conclusa con uno scambio intergenerazionale tra giovani e gli anziani della casa di riposo Monsignor Ventimiglia; un’occasione per i ragazzi che frequentano il Polo Educativo Villa Fazio di Librino di donare il loro tempo, ma anche spensieratezza e sorrisi, alle persone anziane coinvolgendole in un pomeriggio di animazione ed esibizioni di ballo. Proprio ieri, infatti, si è celebrata la Giornata Internazionale degli Anziani, una ricorrenza che invita tutti a considerare la vecchiaia come un dono che si rinnova e che deve essere vissuto ogni giorno nell’apertura agli altri. «Il Dono deve diventare la stella cometa nelle nostre azioni quotidiane – ha concluso l’Assessore alla Famiglia e alle Politiche Sociali, Giuseppe Lombardo -. Catania è una città con una socialità unica, capace di condensare forze straordinarie e dinamismo. In un contesto temporale molto delicato in cui prevale l’individualismo, far percepire l’importanza di donare se stessi rappresenta un messaggio di grande speranza». Ascoltare, dialogare e includere, così Catania ha interpretato il suo Giorno del Dono in attesa della giornata nazionale che si terrà il 4 ottobre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Coronavirus, commercialista di Biancavilla morto al San Marco

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento