Girano in moto per spacciare cocaina e marijuana durante il coprifuoco: arrestati

I carabinieri della stazione di Mascali hanno arrestato due 18enni, uno di Fiumefreddo di Sicilia e l’altro di Giardini Naxos: trasportavano la droga già confezionata in dosi

I carabinieri della stazione di Mascali hanno arrestato due 18enni, uno di Fiumefreddo di Sicilia (CT) e l’altro di Giardini Naxos (ME), poiché ritenuti responsabili di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. La scorsa notte, nel territorio del Comune di Mascali, sulla strada statale 114, nell'ambito di un servizio preventivo volto alla vigilanza sul rispetto delle misure disposte per il contenimento della pandemia da covid-19, i militari di pattuglia hanno imposto l’alt a un motociclo con a bordo i due soggetti. Beccati a gironzolare di notte, in barba alle norme anti covid-19, hanno mostrato un eccessivo nervosismo che ha indotto gli operanti a perquisirli sul posto. Perquisizione personale che ha consentito ai carabinieri di rinvenire e sequestrare oltre 30 grammi di cocaina e 100 grammi di marijuana, quest’ultima sostanza già suddivisa in 150 dosi pronte ad essere smerciate. Ad ognuno degli arrestati è stata inoltre elevata la sanzione di 400 euro prevista per chi vìola le norme di legge che impongono alle persone di rimanere in casa dalle ore 22 alle ore 5 dell’indomani, nonché di non uscire dal proprio comune di residenza se non per ragioni che ne giustifichino lo spostamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento