Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Acireale

"Inghiottito" ad Acireale e trovato a Siracusa, il cadavere è di Giuseppe Castro

Il cadavere nel mare di Siracusa è dell'uomo disperso lo scorso 21 settembre ad Acireale. Dall'esame del Dna disposto dall'Autorità giudiziaria è stato identificato l'uomo inghiottito da un'onda di piena nel torrente Platani

Un corpo è stato ritrovato nel mare di Siracusa lo scorso 2 ottobre da un peschereccio. Il test del Dna ha confermato che si tratta di Giuseppe Castro, l'uomo che durante un nubifragio era stato inghiottito da un'onda di piena nel torrente Platani, nel tratto parallelo a via Anzalone e che sfocia in prossimità del porticciolo di Capo Mulini.

Per diversi giorni i vigili del fuoco di Acireale assieme ai sommozzatori di Catania e Palermo, e ad un equipaggio di specialisti nautici con un'imbarcazione della Sezione Navale del Distaccamento Portuale di Catania, avevano condotto ricerche invano. Di Castro vennero ritrovati solo un paio di bermuda e alcuni oggetti personali.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Inghiottito" ad Acireale e trovato a Siracusa, il cadavere è di Giuseppe Castro

CataniaToday è in caricamento