Il marito è in coma, lei: "O viene curato con staminali o ci penso io"

Giuseppe Marletta, di 43 anni, è entrato in coma nel 2010 in seguito all'asportazione di due punti di sutura metallici applicati dopo l'estrazione della radice di un dente. Sulla vicenda sono pendenti due inchieste

''Basta. Sono fortemente determinata. O mi permettono di far accedere mio marito alle cure staminali o io farò in modo che mio marito cessi di soffrire''. Sono le parole di Irene Sampognaro, che chiede da tempo di sottoporre a una terapia a base di cellule staminali somministrata dalla Stamina Foundation presso l'ospedale di Brescia il marito, Giuseppe Marletta, di 43 anni, entrato in coma nel 2010 in seguito all'asportazione di due punti di sutura metallici applicati dopo l'estrazione della radice di un dente.

Sulla vicenda sono pendenti due inchieste: una interna aperta dall'azienda ospedaliera Garibaldi di Catania, l'ospedale dove è avvenuto l'intervento, e l'altra avviata dalla Procura etnea. Irene Sampognaro ha preso parte  - a Grottammare, in provincia di Ascoli Piceno, insieme ad altri familiari di pazienti che vogliono sottoporsi a cure con le staminali - ad un convegno dal titolo ''Vite sospese. Cellule staminali: cure possibili?'' organizzato dalla Onlus catanese Sicilia Risvegli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

''Da tempo - ha affermato la donna - cerco di far accedere mio marito a queste cure ma ho sempre trovato ostacoli. Io ritengo questa l'unica chance per mio marito, non ci sono altre cure, non esistono. Le staminali sono l'unica speranza. Non ci sono cure alternative nella maniera piu' assoluta''. ''Mio marito - ha continuato - è stato ammazzato dalle istituzioni. Io considero il suo un omicidio di malasanità perchè mio marito è entrato in ospedale sanissimo e adesso mi devono dare delle risposte''. ''Sono stanca di fare questa vita - ha concluso - perchè questa non e' vita e mio marito non avrebbe mai voluto vivere in queste condizioni. E' una 'non vita' e una lenta agonia e nessuno merita di morire così lentamente in questo stato di sofferenza''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento