Giustizia, 16 nuovi magistrati nel distretto di Catania

A darne notizia è il componente della commissione giustizia della Camera Eugenio Saitta

Il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha firmato il decreto che ridetermina e amplia le piante organiche degli uffici giudiziari di merito, in attuazione dell’incremento complessivo di 600 unità del personale della magistratura ordinaria previsto dalla Legge di Bilancio per il 2019. A darne notizia è il deputato alla Camera del Movimento Cinque Stelle Eugenio Saitta che ha specificato i numeri per quanto concerne il distretto di Catania.

“Saranno 16 - spiega il deputato - le nuove unità destinate a potenziare il sistema giustizia tra i tribunali, la Corte d'Appello, il tribunale dei minori e la procura della Repubblica a Catania, Caltagirone, Ragusa e Siracusa. Ringrazio il ministro Bonafede per lo sforzo: si tratta del più consistente aumento della dotazione organica realizzato negli ultimi vent’anni. L'intervento, che si inserisce nel più generale sforzo di potenziamento delle politiche di assunzione del Ministero della Giustizia, mira a migliorare l'efficienza del servizio giustizia, dando così una maggiore celerità e rapidità all'intero sistema”

“Questo è un altro segno tangibile che il governo dà alla giustizia italiana – conclude Saitta -. Dopo il potenziamento degli organici delle cancellerie dei tribunali, della polizia penitenziaria adesso vengono potenziati gli uffici giudiziari. È un altro passo verso un Paese più efficiente."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento