Gli arresti della sezione "Catturandi", 11 in manette

La polizia ha eseguito le ordinanze di carcerazione disposte dall'autorità giudiziaria. I nomi e le foto degli arrestati

La polizia ha eseguito 11 ordini di esecuzione di carcerazione disposti dall’autorità giudiziaria, in particolare, il personale della squadra mobile sezine “Catturandi” ha arrestato:

Giuseppe Giunta, (del 1950), pregiudicato, destinatario di ordine di carcerazione, emesso in data 2.2.2019 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Catania – Ufficio Esecuzioni penali, dovendo espiare la pena di anni 5 mesi 4 e giorni 29 di reclusione per il reato di estorsione in concorso. 

Stefano D'Urso, (del 1967), pregiudicato, destinatario di ordine di esecuzione di pene concorrenti e contestuale ordine di esecuzione, emesso in data 7.2.2019 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Catania – Ufficio Esecuzioni penali, dovendo espiare la pena di anni 4, mesi 5 e giorni 17 di reclusione per i reati di rapina e ricettazione.

Salvo Lagati, (del 1994), destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso in data 2.2.2019 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Catania – Ufficio Esecuzioni penali, dovendo espiare la pena di anni 4 mesi 3 e giorni 11 di reclusione per reati in materia di stupefacenti.

Antonino Polizzi, (del 1965), pregiudicato, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 7.2.2019 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale ordinario di Catania – Ufficio Esecuzioni penali, dovendo espiare la pena di anni 3, mesi 4 e giorni 27 di reclusione per reati in materia di armi.

Vincenzo Carelli, (del 1951), pregiudicato, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso in data 1.2.2019 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Catania – Ufficio Esecuzioni penali, dovendo espiare la pena di anni 2 e mesi 8 di reclusione per il reato di truffa in concorso, con l’aggravante di cui all’art. 7 L.203/91.

Gianluca Vinci, (del 1973), pregiudicato, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso in data 1.2.2019 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Catania – Ufficio Esecuzioni penali, dovendo espiare la pena di anni 2 e mesi 4 di reclusione per il reato di truffa in concorso, con l’aggravante di cui all’art. 7 L.203/91.

 Giuseppe Spina, (del 1966), pregiudicato, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione, emesso in data 1.2.2019 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Catania – Ufficio Esecuzioni penali, dovendo espiare la pena di anni 2 e mesi 8 di reclusione per il reato di truffa in concorso, con l’aggravante di cui all’art. 7 L.203/91.

Salvatore Lombardo, (del 1950), pregiudicato, destinatario di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso in data 2.2.2019 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Catania – Ufficio Esecuzioni penali, dovendo espiare la pena di anni 2 e mesi 4 di reclusione per il reato di truffa in concorso, con l’aggravante di cui all’art. 7 L.203/91.

Daniele Aulino, (del 1989), pregiudicato in atto agli arresti domiciliari destinatario di ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare, emesso in data 1.2.2019 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Catania – Ufficio Esecuzioni penali, dovendo espiare la pena di anni 2 e mesi 4 di reclusione per il reato di furto aggravato.

Federico Orazio Grasso, (del 1991), pregiudicato in atto agli arresti domiciliari destinatario di ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare, emesso in data 4.2.2019 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Catania – Ufficio Esecuzioni penali, dovendo espiare la pena di anni 1 e mesi 8 di reclusione per reati in materia di stupefacenti.

Christian Barbagallo, (del 1996), destinatario di ordine di esecuzione per espiazione di pena detentiva in regime di detenzione domiciliare, emesso in data 1.2.2019 dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Catania – Ufficio Esecuzioni penali, dovendo espiare la pena di anni 1 reclusione per reati in materia di stupefacenti.

Potrebbe interessarti

  • Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

  • Emorroidi: cause, rimedi e prevenzione

  • Sbornia: cause, sintomi e rimedi

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al villaggio Ippocampo, suv con sei minorenni capotta

  • "Hai mai fatto l'amore", la frase del romeno di 31 anni prima delle molestie: arrestato

  • Incidente stradale in tangenziale, auto pirata investe un motociclista e scappa

  • Topo d'appartamento preso dai "Falchi" in viale Mario Rapisardi

  • Sparatoria a Ucria, il presunto assassino è originario di Paternò

  • Inseguono autobus con una "moto ape" per aggredire autista: denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento