Paternò, graffiti dopo un restauro costato 1,5 milioni di euro

Il convento di San Francesco alla Collina di Paternò, appena restaurato, è stato selvaggiamente imbrattato dalle scritte spray di un ragazzino innamorato

Il convento di San Francesco alla Collina di Paternò, appena restaurato, è stato selvaggiamente imbrattato dalle scritte spray di un ragazzino innamorato. “Simona ti amo” questa è la frase apparsa, di color rosso passione, in una delle pareti esterne del convento.

Il lavoro di ristrutturazione dell’opera, che ancora deve essere ufficialmente consegnato alla città, è costato ben 1,5 milioni di euro e si attendono, per completare il quadro degli interventi al suo interno, altri fondi per un totale di 2 milioni di euro. “L’inciviltà regna sovrana - afferma l’assessore alla cultura Gianfranco Romano - è chiaro che occorre continuare a lavorare per evitare questi atti. E’ ormai successo tante volte. Si deve comprendere che quando parliamo di bene comune parliamo di qualcosa che appartiene a tutta la collettività”.

Purtroppo, la malsana moda di farsi “sentire” attraverso scritte spray è un’abitudine che coinvolge diversi monumenti del patrimonio locale.  Infatti, nelle stesse condizioni di degrado vivono la Chiesa della Matrice, il cimitero monumentale, la Chiesetta della Madonna delle Grazie e la ‘700 scalinata, imbrattata di volgari disegni adolescenziali. 

Intanto, sul fatto accaduto di mercoledì notte indagano i carabinieri che, hanno preso visione delle immagini riprese dalle telecamere a circuito chiuso che, tengono sotto sorveglianza la collina storica di Paternò.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento