A Gravina 400 pasti caldi distribuiti alle famiglie per Pasqua

L' iniziativa è stata coordinata dall'assessore ai Servizi Sociali Franco Licciardello, che ha fornito per l'occasione le liste degli aventi diritto

La Santa Pasqua è stata l'occasione per due importanti iniziative organizzate nell'ambito del progetto “Gravina aiuta Gravina”, lanciato dall'amministrazione comunale guidata dal sindaco Massimiliano Giammusso. Ben 400 pasti caldi sono stati preparati e distribuiti ai nuclei familiari in difficoltà del paese etneo. "Igravinesi hanno risposto in maniera esemplare all'appello della solidarietà sin dall'inizio di questa emergenza – ha commentato il primo cittadino – noi continuiamo a stare al fianco delle famiglie in difficoltà anche in occasione delle festività pasquali, e con queste iniziative abbiamo voluto mantenerne vivo lo spirito. Ringrazio tutti gli esercenti che hanno donato i generi alimentari e che hanno realizzato i pasti, in particolare il Pub-Blicò 2.1 eil Braciere dello chef, e naturalmenteancora una volta tutte le associazioni, i volontari, gli esponenti dell'Istituzione comunale e le forze dell'ordine che si stanno impegnando in questo momento difficile». Le iniziative sono state coordinate dall'assessorato ai Servizi Sociali guidato da Franco Licciardello che ha fornito per l'occasione le liste degli aventi diritto, già acquisite, attestanti le difficoltà economiche dei nuclei familiari destinatari. L'assessore allo Sviluppo economico Patrizia Costaha invece coordinato l'approvvigionamento di generi di conforto donati da diversi esercizi commerciali e associazioni del territorio:«Abbiamo ricevuto tantissime donazioni di materie prime e anche di dolci pasquali – ha commentato l'assessore – tante aziende e associazioni hanno mostrato una disponibilità straordinaria nei confronti dei concittadini in difficoltà. Insieme alla dottoressa Agata Rizzodella Cooperativa Asar– ha continuato la Costa - abbiamo portato tante uova di Pasqua ai bambini con disabilità. Grazie al contributo di tutti abbiamo cercato di alleviare il disagio che in tanti stanno vivendo in questo periodo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prima iniziativa in programma si è tenuta ieri sabato 11 aprile 2020, ed è stata promossa dalle associazioni di volontariato Gravina in Loco e Quartiere San Paolo, presiedute rispettivamente da Barbara Pennisi e Santina Roggio, in collaborazione con il Pub-Blicò 2.1, l'esercizio di ristorazione che si trova all'interno del Centro Commerciale Katané e gestito dalla signora Agata Nicotra."Per l'occasione sono stati utilizzati i locali-cucina del ristorante per preparare circa 200 pasti caldi che sono stati consegnati a domicilio dai nostri volontari. Ringraziamo Coop Alleanza 3.0 per aver donato 200 colombe pasquali, l'associazione Cereo Sant'Antonio per le 100 uova e la pasticceria Francalanza che ha donato 16 torte – hanno ricordato Pennisi e Roggio -. La preparazione dei pasti e le consegne sono avvenute seguendo scrupolosamente le indicazioni igienico sanitarie previste e le disposizioni di distanziamento sociale in vigore: a partire dall'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale come le mascherine e i guanti. Ringraziamo il sindaco Giammusso per la sensibilità e il supporto che, sin dall'inizio di questa emergenza, ha mostrato restando in prima linea al fianco dei volontari». L'altra iniziativa di beneficienza si è tenuta sempre ieri sabato 11 e oggi domenica 12 aprile 2020 organizzata dalla gastronomia“Al Braciere dello Chef” di via Fasano 76 e promossa dai consiglieri comunali Rosario Ponzo, Santi Porto, Francesco Nicotra e Alfio Nicosia. Anche in questo caso sono stati preparati 200 pasti completi che sono stati consegnati alle famiglie che stanno attraversando un momento di difficoltà. All'iniziativa erano presenti anche il consigliere comunale Francesco Ferlito e il presidente della Consulta giovanile Paolo Rizzo che si sono messi a disposizione per gestire i turni di afflusso. «Sono stati preparati dei box contenenti un pasto completo, dal primo al secondo compreso contorno e frutta – ha spiegato il consigliere Ponzo – i pasti sono stati consegnati a domicilio o presso i locali della gastronomia secondo turni prestabiliti per evitare assembramenti. Anche in questo caso sono state rispettate tutte le disposizioni in vigore e l'utilizzo dei dispositivi di protezione da parte del personale coinvolto. Desidero ringraziare il sindaco per la collaborazione – ha concluso – tutti insieme riusciremo a superare questo momento difficile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

  • Ricette false per ottenere i rimborsi, due medici sospesi ed otto farmacisti indagati

  • Librino, in due sullo scooter con un neonato di 26 giorni nel mezzo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento