Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Nave Gregoretti, definitivo il non luogo a procedere per Salvini

E' diventata definitiva la sentenza di non luogo a procedere perché il fatto non sussiste nei confronti di Matteo Salvini che era imputato per sequestro di persona per i tempi di sbarco nel luglio del 2019 di 131 migranti

Adesso è definitiva la sentenza di non luogo a procedere perché il fatto non sussiste nei confronti di Matteo Salvini. L'ex ministro degli Interni era imputato per sequestro di persona per i tempi di sbarco nel luglio del 2019 di 131 migranti dalla nave Gregoretti, della Guardia costiera italiana, nel porto di Augusta, nel siracusano. La sentenza emessa a maggio dal Gup Nunzio Sarpietro, nell'aula bunker del carcere di Bicocca non è stata appellata dalla procura generale di Catania e i termini per un ricorso in Cassazione, che le parti civili non possono presentare, sono scaduti. Mentre per il caso Open Arms, per fatti analoghi, Salvini è rinviato a giudizio. Nel caso analizzato dal giudice Sarprieto non è stato ravvisato alcun sequestro di persona, né abuso. Una interpretazione non convidivisa da alcune associazioni che si erano costituite parti civili (AccoglieRete, Legambiente. Arci e una famiglia di migranti che era a bordo della Gregoretti).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nave Gregoretti, definitivo il non luogo a procedere per Salvini

CataniaToday è in caricamento