Pazienti in dialisi spostati da strutture pubbliche a private: ai domiciliari medici e imprenditori

La Guardia di Finanza ha concluso l'operazione "Bloody MoneY" e arrestato 5 soggetti, tra dirigenti medici ed imprenditori del settore accusati di associazione a delinquere finalizzata a corruzione ed abuso d'ufficio

La Guardia di Finanza del comando provinciale di Catania ha portato a termine l'operazione "Bloody Mooney".  L’indagine coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia etnea ed in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip ha tratto agli arresti domiciliari cinque soggetti, tra dirigenti medici e imprenditori del settore, accusati di associazione finalizzata al compimento di reati di corruzione e abuso d’ufficio. Pare che i 5 sviassero alcuni pazienti dializzati da strutture sanitarie pubbliche a private.

I particolari dell'operazione saranno resi noti a breve presso la Procura della Repubblica alla presenza del Procuratore Capo Dottor Carmelo Zuccaro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento