menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Guardia di finanza, sequestrata una discarica di rifiuti e 17 strutture abusive

I finanzieri di Paternò, in collaborazione con la polizia di Belpasso, hanno eseguito un controllo su un’area privata a Belpasso, individuando numerosi cumuli di rifiuti, anche pericolosi, posti a diretto contatto con il suolo e privi di qualsiasi copertura

I militari del comando provinciale della guardia di finanza di Catania, nel corso di un servizio orientato alla tutela ambientale nella provincia etnea, con l’aiuto della componente aeronavale, hanno individuato e sottoposto a sequestro una discarica, estesa 5.300 metri quadrati, e 17 strutture abusive nel comune di Belpasso. Nello specifico, su segnalazione dell’equipaggio di un elicottero della sezione aerea di Manovra della guardia di finanza di Catania-Fontanarossa, i finanzieri di Paternò, in collaborazione con la polizia di Belpasso, hanno eseguito un controllo su un’area privata, individuando numerosi cumuli di rifiuti, anche pericolosi, posti a diretto contatto con il suolo e privi di qualsiasi copertura. Le attività condotte sul luogo hanno permesso di trovare elettrodomestici fuori uso, pneumatici dismessi, parti meccaniche smontate e diversi materiali ferrosi, oltreché per la presenza di alcune “fumarole” ormai spente. Sul terreno, di proprietà di un belpassese, sono state rilevate 17 strutture edilizie precarie e completamente abusive, adibite ad uso abitativo, garage, deposito e perfino utilizzate come stalle e baracche per il ricovero di animali domestici. All’interno di queste ultime, infatti, i finanzieri hanno rinvenuto oltre 60 animali, tra galline, caprini, equini e cani di varie razze, allevati in totale assenza di controlli sanitari nonché privi di tracciabilità e rintracciabilità. L’attività intrapresa si è conclusa, pertanto, con il sequestro penale dell’intera area, delle strutture abusive edificate e con il sequestro cautelativo degli animali rinvenuti all’interno delle medesime, operato con l’ausilio di personale veterinario del Distretto di Paternò. Il proprietario del terreno agricolo è stato denunciato alla competente Autorità Giudiziaria per “attività di gestione di rifiuti non autorizzata” e per “abuso edilizio”. La Procura Distrettuale della Repubblica di Catania ha richiesto e ottenuto la convalida del sequestro operato dai militari delle fiamme gialle di Paternò. A seguito dell’intervento compiuto, è stata informata l’Agenzia Regionale Protezione Ambiente Sicilia per l’esecuzione della campionatura dei materiali rinvenuti e della successiva bonifica del sito sequestrato, a carico del trasgressore. L’efficace operazione, svolta in piena sinergia fra la componente aerea e quella territoriale del Corpo, rientra nel più ampio dispositivo di controllo eseguito a contrasto degli illeciti ambientali, che spesso prevede l’abbinamento di pattuglie aree e terrestri, in modo da consentire una più incisiva mappatura delle aree da sottoporre a controllo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Fitness

Padel mania: benefici e controindicazioni

Ristrutturare

Muro portante - Come abbatterlo in sicurezza

Sicurezza

Cucina senza cattivi odori? I rimedi naturali

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento