Guardia Mangano, perseguita la ex e viene arrestato

I carabinieri della stazione di Guardia Mangano hanno arrestato un 42enne di Acireale perché ritenuto responsabile di atti persecutori

I carabinieri della stazione di Guardia Mangano hanno arrestato un 42enne di Acireale perché ritenuto responsabile di atti persecutori. Alcuni giorni fa una casalinga 42enne aveva denunciato ai militari della Stazione di Guardia i maltrattamenti e le botte che, con costanza, aveva subito dall’ex compagno nel corso dei due anni di convivenza, già interrotta una ventina di giorni prima. Quest’ultimo però incurante di ciò e, forse, per tal motivo ancora più rancoroso, ha continuato a perseguitare la donna pedinandola e tempestandola di telefonate. La poveretta, nella serata di domenica, si trovava in auto quando si è accorta della presenza dell’autovettura dell’ex compagno il quale, a breve distanza, la seguiva nella rotonda sulla Statle 114 in prossimità di un noto centro commerciale. Grazie al contatto telefonico che il maresciallo le aveva lasciato in caso di eventuale necessità, la donna mentre era terrorizzata alla guida della propria autovettura ha così chiamato il militare che, senza interrompere la conversazione, le ha fornito indicazioni sul percorso da seguire sino a che i due veicoli sono stati incrociati dalla macchina dei Carabinieri che sono subito intervenuti, bloccando l’autovettura dell’uomo sulla via Nazionale il quale, poi, assolte le formalità di rito, è stato associato al carcere di Noto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento