Humanitas e la prevenzione dermatologica: i consigli dell'esperto

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

L’estate è da sempre, soprattutto in Sicilia, sinonimo di mare e tintarella. Il sole è un alleato della nostra pelle specialmente nella capacità di stimolare la produzione di vitamina D, ma è necessaria una fotoprotezione per una copertura completa e duratura contro i danni acuti e cronici causati dall’esposizione solare. Le categorie più a rischio, oltre i bambini (i quali non devono essere esposti al sole in modo diretto ma sempre con l’utilizzo di magliette, occhiali e cappellini) sono le persone dalla pelle e dagli occhi chiari e, soprattutto, i soggetti che durante l’infanzia hanno subìto numerose ustioni solari, poiché particolarmente significativa è in questi l’incidenza di melanomi. Humanitas Centro Catanese di Oncologia, da sempre sensibile alle tematiche relative alla prevenzione oncologica, aiuta a capire meglio alcuni aspetti.

In materia di consigli e prevenzione, è necessario occuparsi per tempo della propria salute e non solo in prossimità dell’estate: “La prevenzione primaria dermatologica – spiega la dott.ssa Maria Concetta Gioia, Responsabile del Servizio di Oncologia Dermatologica di Humanitas – è fondamentale durante tutto l’anno, perché siamo esposti ai raggi ultravioletti continuamente, anche in inverno o quando il cielo è nuvoloso; la nostra pelle non è interessata dall’ultravioletto soltanto quando c’è buio”. I rischi legati alla fotoesposizione (quali precoce invecchiamento della pelle, alterazioni dello stato della cute, induzione di tumori della pelle) sono dovuti soprattutto ai raggi UVA che rappresentano il 90% della radiazione solare incidente. Il controllo dei nei deve rappresentare una costante nella prevenzione secondaria dermatologica, specialmente prima dell’esposizione solare: “Il melanoma – chiarisce la dott.ssa Gioia - non compare a causa dell’esposizione al sole ma, poiché può sorgere su un neo preesistente, una ustione può accelerarne la velocità di crescita”. I nei si possono monitorare attraverso l’autoispezione, accertandosi che la forma sia simmetrica, i bordi regolari, il colore omogeneo e il diametro inferiore ai 6 millimetri.

Quando ci si espone al sole è bene, quindi, seguire dei semplici consigli per abbronzarsi in totale sicurezza. Innanzitutto è fondamentale l’utilizzo di creme solari per evitare eritemi e scottature, soprattutto nei primi giorni di esposizione. Non va dimenticata poi l’importanza dell’alimentazione: durante l’estate è fondamentale bere molta acqua a temperatura ambiente e mangiare frutta e verdura quotidianamente, in modo da mantenere una buona idratazione dell’organismo. E per gli irriducibili dell’abbronzatura, forse non tutti sanno che mangiare frutta colorata accelera la pigmentazione cutanea, ovvero l’aumento di melanina nella pelle.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento